“L’Italia ricostruisca la Somalia come fece sessant’anni fa”

image“L’Italia ricostruisca la Somalia come fece sessant’anni fa”

Presidente Hassan Sheick Mohamud, cosa pensa del legame fra Italia e Somalia?

«La Somalia e l’Italia hanno una storia alle spalle lunga più di un secolo. C’è un livello di relazione tra la gente e un altro a livello di governo. Storicamente l’Italia è la nazione europea che ha colonizzato la Somalia a cavallo fra XVIII e XIX secolo, è questo il motivo dei forti legami fra italiani e somali. Esiste una grande fiducia fra i due popoli. Ricorderete che nella II Guerra Mondiale l’Italia è stata una delle nazioni perdenti e all’epoca la Somalia era occupata dagli inglesi. Nonostante tutto questo, quando l’ONU chiese ai somali chi dovesse prepararli per l’indipendenza, noi abbiamo scelto l’Italia e questa è la prova della fiducia e del legame che c’è fra le due società. Così la Somalia si è preparata ad essere una nazione indipendente e per 10 anni, dal ’50 al ’60, l’Afis, l’Amministrazione Fiduciaria Italiana della Somalia, è stata la prima organizzazione moderna creata in Somalia appunto dall’Italia. Ancora oggi in Somalia quasi tutte le leggi e gli atti giudiziari su cui si basa il paese nascono da leggi italiane. Alcune di questi sono tuttora redatti in italiano. Anche il settore della sicurezza era stato impostato dagli italiani, perciò ci sono molte somiglianze fra l’apparato di sicurezza somalo e quello italiano. Le leggi amministrative, finanziarie, regolamentari sono simili a quelle italiane, anche se negli ultimi 30 anni queste leggi non sono state aggiornate ed uno dei motivi della nostra visita in Italia sta proprio qui. Vorremmo che il governo italiano aiutasse quello somalo nel riformare e rivedere il nostro diritto. Dopodiché c’è anche un’integrazione economica. Oggi in Somalia ci sono molte proprietà che appartengono agli italiani o al governo italiano. Insomma questa relazione, come ho detto, dura da più di un secolo e l’Italia è oggi nella posizione migliore per poter aiutare la Somalia, perché le persone che conoscono meglio la situazione somala sono gli italiani. Un altro importante aspetto è che, a causa della guerra civile, abbiamo perso tutti i documenti, anche gli archivi nazionali…tutto e solo l’Italia ha oggi copia di certa documentazione, consultabile da voi in Italia. Per noi è fondamentale per permettere ai somali di sapere da dove vengono».

Signor Presidente, il federalismo è tutt’oggi un tema aperto in Somalia. Come sta cambiando dopo l’accordo firmato con il Jubaland? Che risvolti questo potrebbe avere anche sul rapporto con il Somaliland?

«All’inizio degli anni ’90 lo stato della Somalia è sprofondato nella guerra civile e per questo la nostra è una nazione frammentata, divisa in molte regioni e gruppi differenti. Questo ha spinto ora i somali a decidere di adottare il sistema federale come sistema di governo. E’ scritto nella costituzione e rappresenta uno dei mandati del mio governo: rendere la nostra nazione un sistema federale. Nello stesso tempo però dobbiamo costruire le basi legali per la federazione che attualmente non ci sono. Siamo in pieno processo federativo nazionale, ne ho discusso in Italia con il Premier Letta e il ministro degli Esteri Bonino, perché anche sul federalismo c’è molta esperienza trasferibile dall’Italia alla Somalia su come questo si possa facilmente applicare. Vogliamo raggiungere tutto questo prima del 2016, data in cui si svolgeranno le prime elezioni in Somalia».

Ci ha detto che esiste grande fiducia fra Italia e Somalia, è questo un aspetto che si rispecchia anche a livello militare? Parliamo della missione OTAN che gli italiani si sono offerti di guidare nel vostro paese, ma che forse oggi è un po’ più lontana. Cosa ne pensa?

«Ci sono due aspetti da considerare in ambito di sicurezza. Il primo è che l’Italia è parte dell’Unione Europea e che in Somalia c’è una missione militare di addestramento europea, che prima era in Uganda e ora è stata spostata in Somalia e di cui la maggior parte degli addestratori sono italiani. Ora sono a Mogadiscio e stanno iniziando ad addestrare, ma anche allenare e guidare, la nostra leadership somala. L’Italia ha anche fornito un consulente strategico al ministero della Difesa e Italia e Somalia hanno firmato un accordo di cooperazione per la difesa. Quindi, tornando alla sua domanda, da un lato l’Italia è parte dell’Europa che sta appoggiando il settore sicurezza somalo, dall’altra abbiamo firmato con voi un accordo bilaterale dove l’Italia aiuterà la riorganizzazione della sicurezza nel nostro paese. Una delle ragioni per cui l’abbiamo firmato è che nel 1960 la Somalia stava diventando una nazione indipendente e le prime forze armate di sicurezza erano state create e preparate dall’Italia e ora crediamo che nuovamente gli italiani siano in grado di poterci aiutare».

È finita la pirateria, signor Presidente? Quando l’Unione Europea, la NATO potranno far transitare di nuovo le navi e il vostro paese assicurare la loro sicurezza nel Golfo?

«Prima di tutto devo dirle che la Somalia non ha un passato di pirateria. Si sono verificati atti di pirateria in questa parte del mondo per la prima volta in migliaia di anni. La pirateria non è parte della cultura somala, del modo di vivere somalo, ma alcune circostanze in Somalia hanno creato la pirateria. Poi la pirateria nasce sulla terraferma, e non nel mare. Si tratta di persone che si sono imbarcate ed ora stanno ritornando a terra. In questo momento la pirateria in mare è quasi nulla, ci sono ancora dei piccoli incidenti, ma è quasi debellata. Il vero problema è che questi ragazzi sono tornati a terra e questi sono gli effetti di una guerra civile così prolungata. La Somalia ha perso due generazioni di ragazzi, quelli che avevano 5 anni nel 1990 e oggi hanno 28 anni. Non possiedono gli strumenti per vivere, tutto quello che sanno fare è come usare una pistola, nient’altro. Questo rende vulnerabili i nostri giovani che vengono facilmente reclutati dagli estremisti di al Shabab o dalla pirateria. Nel nostro viaggio in Europa, prima a Bruxelles all’Unione Europea e poi in Italia, abbiamo chiesto aiuto per riabilitare e i nostri giovani, in modo tale da potergli fornire una nuova vita e non costringerli più ad avventurarsi in mare. Al momento ci sono forze europee che pattugliano e mantengono la sicurezza per il trasporto via mare, ma queste forze possono rimanere solo per un breve periodo. La cosa davvero importante è riabilitare questi giovani ragazzi, fornire loro un’alternativa di vita e costruire la sicurezza militare somala, in modo che la Somalia possa proteggere il proprio territorio e il mare dalla pirateria e dalla pesca illegale. E’ per questo che parte della ricostruzione della nostra forza militare comprende anche la forza marittima».

Un ultimo messaggio agli italiani?

«Sono due le cose che voglio dire agli italiani. La prima è che negli ultimi 22 anni molti di voi sono morti in Somalia per appoggiare i somali ed è per questo, che a nome di tutti i somali, vorrei porgere le mie condoglianze a quelle famiglie italiane che hanno perso i loro cari in Somalia, che hanno perso la loro libertà in Somalia, spinti da un unico scopo: aiutarci. Ci spiace molto. L’altro messaggio che vorrei condividere con gli italiani è questo: guardateci, siamo di nuovo qui, dopo 22 anni torniamo in Italia e guardiamo a voi italiani e al vostro governo perchè ci appoggi. Nessuno è nella condizione e nella posizione migliore per aiutarci. Questo grazie alla conoscenza, al legame culturale e a quello storico che ci lega. Oggi l’Italia può di nuovo tornare a ricostruire lo stato somalo, così come è stata l’Italia ad aiutarci a crearlo 60 anni fa. C’è una nuova possibilità e vi chiediamo di farlo, per dar modo ai somali di risollevarsi».

source: http://thepeopleoffreedom.wordpress.com

Advertisements

Leave a comment

No comments yet.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

  • Daily Alert News

  • THE GARISSA GENOCIDE AND THE PLIGHT OF KENYAN SOMALIS SINCE “INDEPENDENCE”.

  • Political Analyst & Expert in East Africa politics Moment History Society

  • Xisbiga Xuriyadda

  • Taariikh nololeedkii Imaam Axmad Gurey

  • taariikhda sheekh xasan barsane oo kooban

  • Reflections on the life and learning of Prof. Said Samatar

    Professor Said Samatar who died February 24, 2015

  • Recent Posts

  • Truth to Power

  • Wall Truth

  • RSS osservatore romano – Google News

    • This RSS feed URL is deprecated June 25, 2018
      This RSS feed URL is deprecated, please update. New URLs can be found in the footers at https://news.google.com/news
    • Osservatore Romano. Dottrina della fede: il «no» alle donne prete è ... - Avvenire.it May 30, 2018
      Avvenire.itOsservatore Romano. Dottrina della fede: il «no» alle donne prete è ...Avvenire.itLo fa con un lungo articolo sull'Osservatore Romano dell'arcivescovo Luis Francisco Ladaria Ferrer, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede (Cdf) che verrà creato cardinale il pomeriggio del prossimo 28 giugno, il quale ribadisce con ...Donn […]
    • Da Il Giornale de' letterati all'Osservatore romano. Breve storia del ... - articolo21 June 18, 2018
      Da Il Giornale de' letterati all'Osservatore romano. Breve storia del ...articolo21Le news passano per nuovi canali, sempre più molteplici e di vario genere. di Antonio Tarallo. L'informazione passa per i giornali, quelli che molte volte – in gergo tecnico –vengono chiamati “testate”. Il nome deriva da un fatto assai semplice ...
    • Su Acquarius l'Osservatore Romano chiede più chiarezza all'Unione ... - Farodiroma (Comunicati Stampa) June 12, 2018
      Farodiroma (Comunicati Stampa)Su Acquarius l'Osservatore Romano chiede più chiarezza all'Unione ...Farodiroma (Comunicati Stampa)“La questione immigrazione resta tutt'altro che risolta, soprattutto perchè, come hanno rilevato ieri fonti dell'Unione Europea in merito al caso della Aquarius, la situazione legislativa internazionale non è ch […]
    • Osservatore Romano, attacchi ripugnanti a Mattarella - ANSA.it May 29, 2018
      ANSA.itOsservatore Romano, attacchi ripugnanti a MattarellaANSA.it"Sono il frutto dell'arroventato clima politico di questi giorni gli attacchi, spesso ripugnanti, rivolti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella soprattutto attraverso le reti sociali. Oltre a ingiurie, a volte contenenti ignobili riferimenti ...Quegli attacchi ripugnanti a […]
    • Migranti, l'Osservatore Romano mette in risalto le lodi di Salvini al ... - Il Messaggero June 4, 2018
      Il MessaggeroMigranti, l'Osservatore Romano mette in risalto le lodi di Salvini al ...Il MessaggeroCITTA' DEL VATICANO – L'Osservatore Romano mette in risalto le parole del nuovo ministro dell'Interno, Matteo Salvini che a Pozzallo ieri aveva detto che il suo predecessore Minniti ha fatto un «discreto lavoro» sui migranti aggiungendo anch […]
    • Pol - Governo, Osservatore Romano: "Scenario sempre più confuso" - PPN - Prima Pagina News May 30, 2018
      PPN - Prima Pagina NewsPol - Governo, Osservatore Romano: "Scenario sempre più confuso"PPN - Prima Pagina NewsRoma, 30 mag (Prima Pagina News) "Lo spread apre a 270 punti, in calo rispetto a ieri e le borse sembrano riprendere fiato. Ma la crisi italiana è tutt'altro che risolta e lo scenario sempre più confuso". Lo scrive l'Oss […]
    • Bassetti e la legge della fraternità: “Ecco l'effetto della società liquida” - Umbriadomani June 22, 2018
      UmbriadomaniBassetti e la legge della fraternità: “Ecco l'effetto della società liquida”UmbriadomaniCosì esordisce il cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nel suo ultimo articolo della rubrica “Dialoghi” de Il Settimanale de «L'Osservatore Romano», in edicola venerdì 22 giugno, consultabile .. […]
    • «Migranti, la soluzione è l'accoglienza» - Il Manifesto June 20, 2018
      Il Manifesto«Migranti, la soluzione è l'accoglienza»Il Manifesto... CAPIRE pienamente la risposta del pontefice – e le forti critiche di Bergoglio al presidente Trump, prima della retromarcia – bisogna leggere quello che avevano dichiarato i vescovi messicani e statunitensi, rilanciato anche dall'Osservatore Romano ...altro »
    • [Il retroscena] La rabbia del Papa contro la prova muscolare di ... - Tiscali.it June 13, 2018
      Tiscali.it[Il retroscena] La rabbia del Papa contro la prova muscolare di ...Tiscali.itIn prima pagina sull'Osservatore Romano è apparso un grande titolo a cinque colonne che riassume un implicito riconoscimento di come poteva terminare positivamente questa vicenda dolorosa: “La Spagna accoglie i migranti del'Aquarius”. Sotto inteso che ...
    • La Segreteria per la Comunicazione diventa Dicastero - Vatican News June 23, 2018
      Vatican NewsLa Segreteria per la Comunicazione diventa DicasteroVatican News... la Segreteria per la Comunicazione si chiami, d'ora in poi: "Dicastero per la Comunicazione". Il Rescritto viene promulgato tramite pubblicazione sull'Osservatore Romano, entrando in vigore da oggi, e quindi verrà pubblicato sugli Acta Apostolicae ...Comunicaz […]
  • RSS avvenire – Google News

    • This RSS feed URL is deprecated June 25, 2018
      This RSS feed URL is deprecated, please update. New URLs can be found in the footers at https://news.google.com/news
    • Il calendario. Un'estate insieme ad Avvenire: le 11 feste da Matera a ... - Avvenire.it June 23, 2018
      Avvenire.itIl calendario. Un'estate insieme ad Avvenire: le 11 feste da Matera a ...Avvenire.itHa appena due anni ma la Festa di Avvenire ospitata a Matera è tra gli appuntamenti più prestigiosi organizzati nella storia del giornale. L'evento di quest'anno si svolgerà da lunedì 25 al 28 giugno in piazza San Francesco d'Assisi della Città […]
    • Nelle chiese. Domenica la raccolta per la carità del Papa. Anche ... - Avvenire.it June 23, 2018
      Avvenire.itNelle chiese. Domenica la raccolta per la carità del Papa. Anche ...Avvenire.itAnche per quest'anno i mezzi di comunicazione della Cei – Avvenire, Tv2000, Radio InBlu, l'agenzia Sir – e i settimanali diocesani associati alla Fisc promuovono la raccolta di offerte dell'Obolo di San Pietro. Per la giornata Avvenire ha diffuso una ... […]
    • Dal 25 giugno al 1 luglio. Matera, la festa di Avvenire per «nutrire le ... - Avvenire.it June 23, 2018
      Avvenire.itDal 25 giugno al 1 luglio. Matera, la festa di Avvenire per «nutrire le ...Avvenire.itCosì Avvenire risponde al suo ruolo di nutrire le coscienze critiche di lettori e simpatizzanti e così la Chiesa locale rende un servizio al suo territorio, inserendosi con autorevolezza nel percorso di avvicinamento al 2019, quando Matera sarà ...
    • Ankara. La Turchia rielegge Erdogan. Al via un'era di pieni poteri - Avvenire.it June 25, 2018
      Avvenire.itAnkara. La Turchia rielegge Erdogan. Al via un'era di pieni poteriAvvenire.itQuesto sito usa cookie di terze parti (anche di profilazione) e cookie tecnici. Continuando a navigare accetta i cookie. Cookie policy. accetta. Avvenire · CEI NEWS · SIR · TV2000 · RADIO INBLU · FISC. seguici su. Sezioni. Migranti · #alpapadirei ...altro »
    • Ordinanaza. Roma spegne le slot: fissate 8 ore di apertura massima - Avvenire.it June 25, 2018
      Avvenire.itOrdinanaza. Roma spegne le slot: fissate 8 ore di apertura massimaAvvenire.itEd è proprio questa la motivazione che la stessa Virginia Raggi sottolinea ad Avvenire, di fronte all'aumento dei casi di ludopatia. «La salute dei cittadini prima di tutto, per questo la nostra guerra al gioco d'azzardo non si ferma», assicura ...altro »
    • Più grandi della colpa / 23. Il gran registro del dolore invisibile (Dio e ... - Avvenire.it June 23, 2018
      Avvenire.itPiù grandi della colpa / 23. Il gran registro del dolore invisibile (Dio e ...Avvenire.itQuesto sito usa cookie di terze parti (anche di profilazione) e cookie tecnici. Continuando a navigare accetta i cookie. Cookie policy. accetta. Avvenire · CEI NEWS · SIR · TV2000 · RADIO INBLU · FISC. seguici su. Sezioni. Migranti · #alpapadirei ...
    • Zingari: Avvenire, “perseguitati da 500 anni” - Servizio Informazione Religiosa June 23, 2018
      Zingari: Avvenire, “perseguitati da 500 anni”Servizio Informazione ReligiosaLo scrive su Avvenire Alessandro Marzo Magno, ricordando i loro “500 anni di persecuzioni”. “Un po' in tutta Italia, e pure nel resto d'Europa, dal Cinquecento in poi gli zingari diventano oggetto di bandi e persecuzioni, ma da nessuna parte accade con ...
    • Le tracce della maturità svolte dagli esperti di Avvenire - Avvenire.it June 20, 2018
      Avvenire.itLe tracce della maturità svolte dagli esperti di AvvenireAvvenire.itDi seguito le tracce della prima prova di maturità svolte dagli esperti di Avvenire.altro »
    • Un tempo di cattivismo senza vergogna. Servono forza, parole e ... - Avvenire.it June 23, 2018
      Avvenire.itUn tempo di cattivismo senza vergogna. Servono forza, parole e ...Avvenire.itMa io mi ostino a sperare che possano averne altrettanto le "pagine intere" che "Avvenire" continua a dedicare da anni alle buone pratiche e alle buone ragioni di un'accoglienza di profughi e migranti economici regolata e lungimirante, come il ...
    • La polizia scopre 33 madri surrogate per «clienti» cinesi - Avvenire - Avvenire.it June 23, 2018
      Avvenire.itLa polizia scopre 33 madri surrogate per «clienti» cinesi - AvvenireAvvenire.itLa clinica è stata scoperta a Phnom Penh. Cinque arrestai. La pratica è vietata dal 2016, ma i traffici continuano. Alle donne erano stati offerti fino a 10mila ...altro »