Reflections on the life and learning of Prof. Said Samatar

Professor Said Samatar who died last week.

Professor Said Samatar who died last week.

Said Sheikh Samatar, a Somali-American historian who passed away in New Jersey last week, was a Professor of African history at Rutgers University for more than three decades.

Professor Samatar’s name came to my attention through his paper on Sayyid Mohamed Abdulle Hassan in the Proceedings of the first Somali Studies International Conference held in Mogadishu in 1980. The paper was a summary of his PhD dissertation, which was published as a book entitled Oral Poetry and Somali Nationalism: The Case of Sayyid Mahammad ‘Abdille Hasan. This piece is not an assessment of Professor Said Samatar’s academic output. It is a reflection on his engagement with the public through essays and interviews with the BBC Somali service during the late 1980s, when Somalia was edging towards total civil war, and during the 1990s, when the state collapsed.

Prof. Samatar’s opposition to the former Somali military dictatorship culminated in his boycotting of the International Conference of Somali Studies held in Mogadishu in 1989, a decision on which he elaborated in an open letter to academic colleagues in Somali studies, published in Horn Africa Journal, of which he was the managing editor. His hope for the toppling of the military dictatorship was undermined by the armed opposition groups, which did not have a pan-clan agenda for post-dictatorship Somalia. He was aware of the incompetence and political unpreparedness of clan-based opposition groups when he told a BBC Somali Service interviewer in 1990 “armed Somali opposition groups are swirling around each other like smoke… If the overthrow of the dictatorship means replacing the regime but keeping the state intact, it cannot be successful.” Professor Samatar’s prognosis of the failure of the opposition hit the bull’s eye: Mohamed Siyad Barre’s regime was ousted but it was not replaced by any government. Anomy and vicious warlord infighting filled the void.

When Somalia’s neighbours (Djibouti and Ethiopia) took an interest in reconciling the opposition groups in 1991 and 1993, Professor Samatar described the reconciliation conferences as a waste of time (shimbirayahow heesa! “O birds, sing!”). General Mohamed Farah Aideed, the now late United Somali Congress Chairman who appointed himself as Somali president in 1995, opposed the interim government formed after the Djibouti reconciliation conference in 1991. His decision split the by then defunct USC into two factions and caused a three month-long war between militias loyal to General Aideed and those supporting President Ali Mahdi Mohamed. In a BBC Somali Service discussion on the USC infighting in 1991, Prof. Samatar commented on the difficulty of reconciling USC factions in the following words (translated from Somali): “If you go to Mogadishu and, like the poet Salaan Arabey, say to the warring factions in Mogadishu “O clansmen stop hostilities! (Tolow colka jooja!)”, you will have your ears and nose cut by gun-toting young men high on khat and alcohol.”

What Professor Samatar was referring to was a new situation in which Somalis found themselves, that of pre-modernity and post-tradition. Neither the ‘modern’ methods of organising people and resources under a centralised state nor ‘traditional’ society’ s ability to manage small-scale inter-clan conflict in a rural setting by resorting to customary law works in such a situation. To Professor Samatar there was nothing new about “modern cut-throat [and] clan conflict”; it was Somali culture through and through.

In 1991 the United Somali Congress appointed a committee headed by Haji Abdullahi Haayow to investigate the causes of the USC rift and publish a report. The verdict of the Haayow Commission has been immortalised in the sentence “Caydiid gadh buu leeyahay, Cali Mahdina gadh buu leeyahay” (Caydiid is right, so is Ali Mahdi). Haji Haayow had no illusions about the political situation in 1991. He refrained from pinning the blame on one party in the absence of an authority to enforce the verdict of the inquiry. A clear verdict would have compelled one USC faction to disarm.

Modernity has undermined Somali tradition in subtle ways. Before his role had been subordinated to that of post-colonial Somali politician, a traditional leader asked four questions: What happened? What did one say about or for our clan? What does the other clan owe us in terms of blood money? What do we owe the other clan? The Somali politician has appropriated some of those questions but added a fifth one: In which clan’s hands is state power (perceived to be)?

Unlike the traditional Somali clan, the modern clan is dependent on the largesse of the post-colonial Somali politician who makes political decisions about attacking a given hamlet or district in the hope of gaining political power at district or national level. The Somali politician who acquires state or militia power benefits from the trappings of modernity but abuses it to achieve exclusive political goals. To reductively interpret such a situation as the outcome of a traditional Somali clan conflict is to ignore the plight of Somalis who suffer at the hands of powerful political actors who justified and justify human rights violations in the name of the state (in the case of the former military dictatorship) or in the name of the search for state power (in the case of warlords, regional administrations and extremist groups).

Professor Samatar was alive to the self-perpetuating trend of powerful politicians who form clan armies, armed extremist groups, and clannish intelligence services to have a better chance at acquiring or consolidating state power in the hands of clansmen. The emergence of religious extremism in Somalia owes a lot to the valorising of tradition-based conceptions of the Somali political conflict. “Somalia will never be a territory for Islamic terrorists. The clan structure trumps devotion to Islam in Somalia,” Professor Samatar told a reporter from PolicyMic. Is it because Somalis of the past were sceptical of absolute justice or were they aware that the traditional Somali Sheikh had no coercive power to bank on and preferred to side with his clansmen? The Somali saying fiqi tolkiis kama janna-tago (a Sheikh will not put paradise over supporting his clansmen) speaks as much to bias in religious judgement as awareness about the limits of the Sheikh’s power in a nomadic context.

Professor Samatar plumbed Somali oral tradition for insights to understand and explain political and social trends in Somalia. A society whose language remained unwritten until 1972 and that relied on oral tradition for far too long has literature that, from time to time, illuminates aspects of the Somali predicament. But acknowledging that the same oral tradition is riddled with conflicting accounts on events by poets or by anonymous story makers and gossip-mongers does not mean that political history in Somalia is simply a matter of either contesting narratives of equal validity or reducing the Somali turmoil to one phenomenon. This insight, I think, is one of Professor Said Sheikh Samatar’s great contributions to Somali historiography.

CONDOLENCES ON THE PASSING OF PROF SAID SH. SAMATAR

Remembering Said S. Samatar: Death prevents you from Thinking

Political Analyst & Expert in East Africa politics  Moment History Society

Political Analyst & Expert in East Africa politics
Moment History Society

Leave a comment

No comments yet.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Daily Alert News

  • Political Analyst & Expert in East Africa politics Moment History Society

  • Dr. Ibrahim H. Abukar For President

  • Taariikh nololeedkii Imaam Axmad Gurey

  • taariikhda sheekh xasan barsane oo kooban

  • Reflections on the life and learning of Prof. Said Samatar

    Professor Said Samatar who died February 24, 2015

  • Recent Posts

  • Truth to Power

  • Wall Truth

  • RSS osservatore romano – Google News

    • Osservatore Romano: "Renzi coerente nel dimettersi" - Adnkronos - Adnkronos December 5, 2016
      AdnkronosOsservatore Romano: "Renzi coerente nel dimettersi" - AdnkronosAdnkronos"Il capo del governo aveva legato le sorti dell'esecutivo e il suo personale percorso politico a questa consultazione. Con coerenza ha tratto le conseguenze di ...L'Osservatore Romano sintetizza le difficoltà future, troppe divisioni ...Il MessaggeroRefe […]
    • Cardinale Stella: su L'Osservatore Romano, nuova “Ratio” per la ... - Servizio Informazione Religiosa December 8, 2016
      Cardinale Stella: su L'Osservatore Romano, nuova “Ratio” per la ...Servizio Informazione ReligiosaLa formazione dei sacerdoti deve essere “rilanciata, rinnovata e rimessa al centro”. Questo, sottolinea il cardinale Beniamino Stella a L'Osservatore Romano, è.altro »
    • Silence, Papa Francesco e l'incontro con il regista Martin Scorsese - Avvenire.it November 30, 2016
      Avvenire.itSilence, Papa Francesco e l'incontro con il regista Martin ScorseseAvvenire.itL'intervista viene pubblicata dall'Osservatore Romano. Ed è stata rilasciata dal regista americano dopo l'incontro con Papa Francesco che ha raccontato di aver letto «Silenzio», il libro di Shusaku Endo da cui è stata tratta la sceneggiatura del film […]
    • Osservatore Romano: “Renzi coerente nel dimettersi” - SiciliaInformazioni.com December 5, 2016
      SiciliaInformazioni.comOsservatore Romano: “Renzi coerente nel dimettersi”SiciliaInformazioni.com“Il capo del governo aveva legato le sorti dell'esecutivo e il suo personale percorso politico a questa consultazione. Con coerenza ha tratto le conseguenze di una sconfitta forse inattesa nella sua dimensione”. E' quanto sottolinea l'Osservatore . […]
    • L'Osservatore Romano: in prima pagina "l'Apocalisse climatica ... - Meteo Web December 2, 2016
      Meteo WebL'Osservatore Romano: in prima pagina "l'Apocalisse climatica ...Meteo WebL'Osservatore Romano apre in prima pagina con titolo “Apocalisse climatica“. “Il mondo – scrive il quotidiano della Santa Sede – è sull'orlo di un'apocalisse ...altro »
    • Bagnasco: 'E' l'ora di camminare insieme'. L'Osservatore Romano ... - ilgiornaleditalia December 5, 2016
      ilgiornaleditaliaBagnasco: 'E' l'ora di camminare insieme'. L'Osservatore Romano ...ilgiornaleditaliaL'Osservatore Romano, che nell'edizione appena andata in edicola nel pomeriggio di lunedì dedica al voto referendario il titolo di apertura "Renzi al Quirinale per presentare le dimissioni", scrive tra l'altro […]
    • “Valdinievole e non Terni”: Vezzosi critica lo studio dell'Osservatore ... - gonews November 28, 2016
      gonews“Valdinievole e non Terni”: Vezzosi critica lo studio dell'Osservatore ...gonewsCosì, il leonardista e direttore del Museo Ideale 'Leonardo' di Vinci, Alessandro Vezzosi richiama l'attenzione su un articolo pubblicato ieri, 27 novembre, sull'Osservatore Romano in cui si avvalora un nuovo studio dello storico dell'arte Luca […]
    • Osservatore Romano: "Renzi coerente nel dimettersi" - iL Meteo December 5, 2016
      Osservatore Romano: "Renzi coerente nel dimettersi"iL MeteoOsservatore Romano: "Renzi coerente nel dimettersi". "Tenuto conto anche della complessità della materia sulla quale si richiedeva il parere degli italiani, è opinione condivisa che il voto sia diventato fatalmente un giudizio sull'operato del capo del ...
    • La Congregazione per il Clero: i preti siano leali, mai ipocriti e con il ... - La Stampa December 7, 2016
      La StampaLa Congregazione per il Clero: i preti siano leali, mai ipocriti e con il ...La StampaLeali, per nulla rigidi, mai ipocriti e con il «senso del bello». È l'identikit del prete doc come viene tratteggiato nel nuovo documento sulla vocazione presbiteriale ...Santa Sede: promulgato “Il dono della vocazione presbiterale” per la ...Servizio Informaz […]
    • Papa Francesco e il legame con Maria Salus Popoli Romani - Avvenire.it December 8, 2016
      Avvenire.itPapa Francesco e il legame con Maria Salus Popoli RomaniAvvenire.it«Non mi sorprese affatto – ribadisce il cardinale, che ebbe modo di conoscere Bergoglio durante il suo impegno come nunzio apostolico in Bolivia –, anche perché mi aveva confidato anni prima che la Basilica della Salus Populi Romani era una tappa ...
  • RSS avvenire – Google News

    • Papa: rigidità e mondanità, un disastro per i sacerdoti - Avvenire.it December 9, 2016
      Avvenire.itPapa: rigidità e mondanità, un disastro per i sacerdotiAvvenire.it8 dicembre Immacolata Concezione, una storia di bellezza. Andrea Galli. In libreria Esce in un volumetto l'intervista del Papa a Avvenire. Francesco Ognibene. Intervista al giornale belga Papa: sì a Stato laico, no a laicismo e fondamentalismo. Primo ...altro »
    • La mediazione di Renzi con i dem: Gentiloni premier e voto a giugno - Avvenire.it December 9, 2016
      Avvenire.itLa mediazione di Renzi con i dem: Gentiloni premier e voto a giugnoAvvenire.itIl segretario: mi fido di Mattarella, mai un esecutivo contro di me. Domenica colloquio decisivo con il Colle. L'alternativa è Delrio. Riproduci Chiudi il player. La mediazione di Renzi con i dem: Gentiloni premier e voto a giugno. Nel primo vero ...altro »
    • Papa: Nella tragica realtà dei migranti rivediamo quella del bambino ... - Avvenire.it December 9, 2016
      Avvenire.itPapa: Nella tragica realtà dei migranti rivediamo quella del bambino ...Avvenire.itIl presepe collocato in Piazza San Pietro richiama "la triste e tragica realtà dei migranti sui barconi diretti verso l'Italia. Nell'esperienza dolorosa di questi fratelli e sorelle, rivediamo quella del bambino Gesù, che al momento della nascita non […]
    • Caritas di Roma, 123 profughi accolti nelle parrocchie - Avvenire.it December 8, 2016
      Avvenire.itCaritas di Roma, 123 profughi accolti nelle parrocchieAvvenire.itDue i progetti attivati per rispondere all'appello lanciato da papa Francesco: coinvolti gli istituti religiosi e le famiglie. Riproduci Chiudi il player. Caritas di Roma, 123 profughi accolti nelle parrocchie. Sono 123 i richiedenti asilo e protetti ...altro »
    • Trovata morta la ragazza cinese scomparsa lunedì - Avvenire.it December 9, 2016
      Avvenire.itTrovata morta la ragazza cinese scomparsa lunedìAvvenire.itL'ipotesi più probabile è che sia stata investita da un treno. Ma la polizia indaga su un'eventuale violenza. La ragazza, 20 anni, aveva denunciato il furto della borsa poco prima di scomparire. Riproduci Chiudi il player. Il luogo del ritrovamento del ...altro »
    • Esce in un volumetto l'intervista del Papa a Avvenire - Avvenire.it December 7, 2016
      Avvenire.itEsce in un volumetto l'intervista del Papa a AvvenireAvvenire.itVa in libreria il volumetto che raccoglie l'intervista del Papa ad Avvenire, il dialogo con Stefania Falasca pubblicato venerdì 18 novembre e che ora Edb rilancia in una coedizione con il nostro quotidiano, aperta dall'editoriale di monsignor Marcello ...
    • Parità tra i sessi. Ma l'emancipazione è ancora lontana - Avvenire.it December 9, 2016
      Avvenire.itParità tra i sessi. Ma l'emancipazione è ancora lontanaAvvenire.itSono 14mila le frontaliere che ogni giorno si recano dalla regione di Yerbala, nel nord del Marocco. Riproduci Chiudi il player. Parità tra i sessi. Ma l'emancipazione è ancora lontana. Le donne possono dare un contributo essenziale alla lotta contro ...
    • "I migranti? Per i piccoli Comuni sono un'opportunità" - Avvenire.it December 8, 2016
      Avvenire.it"I migranti? Per i piccoli Comuni sono un'opportunità"Avvenire.itParla il sindaco di Sant'Alessio in Aspromonte, 400 abitanti e 50 ospiti stranieri. "Con l'avvio del progetto Sprar, oltre ai rifugiati sono tornati anche alcuni italiani". Riproduci Chiudi il player. I ragazzi di Sant'Alessio in Aspromonte dur […]
    • Incendio nel ghetto dei bulgari, morto un 20enne - Avvenire.it December 9, 2016
      Avvenire.itIncendio nel ghetto dei bulgari, morto un 20enneAvvenire.itUn ragazzo di 20 anni è morto carbonizzato nell'incendio scoppiato nel campo soprannominato il "ghetto dei bulgari" nella frazione La Pescia, nel comune di Foggia, tra Borgo Mezzanone e Tressanti. L'intervento dei vigili del fuoco è stato richiesto ...altro »
    • Fisco, bonus e previdenza: ecco la nuova legge di bilancio 2017 - Avvenire.it December 8, 2016
      Avvenire.itFisco, bonus e previdenza: ecco la nuova legge di bilancio 2017Avvenire.itLegge da 27 miliardi. Via all'Ape. Moody's: prospettive negative. Via libera con 166 sì, 70 no e 1 astenuto. Per l'anno prossimo nuovo taglio delle tasse, dal canone Rai all'evitato aumento dell'Iva. Riproduci Chiudi il player. Fisco, bonus e ...altr […]