Somalia: dall’indipendenza del 1960 agli orrori di “Black Hawk down

imageSomalia: dall’indipendenza del 1960 agli orrori di “Black Hawk down”


Scheda 1 / La storia tormentata di un Paese uscito dal colonialismo mezzo secolo fa e che non è mai riuscito ad arrivare ad un assetto pacifico e definitivo
<B>Somalia: dall’indipendenza del 1960<br>agli orrori di “Black Hawk down” </B>
Una scena del film Black Hawk Down

Novembre 1949: L’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva un piano che assegna all’Italia i suoi ex domini coloniali in Somalia. Si tratta di un’amministrazione fiduciaria, per un periodo di dieci anni (1950-1960), in vista della concessione dell’indipendenza.

1° luglio 1960 – La Somalia italiana diventa uno Stato indipendente. Gli ex domini coloniali britannici (nord-ovest) e italiani (sud) si uniscono a formare la Repubblica di Somalia. Aden Abdullah Osman Daar è il primo presidente della nuova nazione. Il protettorato britannico del Somaliland ottiene l’indipendenza

1967 – Abdi Rashid Alì Shirmarke diventa presidente.

15 ottobre 1969 – Shirmarke viene assassinato da una delle sue guardie del corpo. Alcuni giorni dopo, un colpo di stato militare porta al potere Muhammad Siad Barre.

1970 – Barre dichiara la Somalia stato socialista e nazionalizza la maggior parte delle attività economiche del paese.

1974 – La Somalia diventa membro della Lega Araba. Carestia provocata dalla siccità. Continua la nazionalizzazione.

1977 – La guerra a bassa intensità tra ribelli appoggiati dal governo somalo e l’esercito etiopico si trasforma in un conflitto tra i due Paesi. Il gruppo etnico somalo della regione etiope dell’Ogaden inizia a combattere per la propria autodeterminazione; la Somalia, invia in rinforzo anche le proprie truppe. Circa due milioni Di profughi cercano rifugio in Somalia.

1978 – A marzo il governo somalo annuncia il suo ritiro dalla regione dell’Ogaden. L’Etiopia, sostenuta da Cuba e dall’URSS, ripristina il controllo sulla regione e dà sostegno ai movimenti dissidenti della Somalia, stanziati soprattutto nel Nord del paese. Gli Stati Uniti forniscono aiuti umanitari e militari a entrambi i contendenti in cambio dell’utilizzo della base navale di Berbera, impiegata in precedenza dai sovietici.

8 aprile 1978 – Un gruppo di ufficiali dell’esercito cerca di rovesciare il regime di Siad Barre senza successo.

1978-81 – Viene fondato il primo movimento di opposizione armata al regime di Siad Barre: il Fronte di Salvezza Somalo (FSS), che nel 1981 diventa il Fronte Democratico di Salvezza Somalo (FDSS). Ysuf ne è il leader

1988 – Trattato di pace con l’Etiopia. Il Movimento nazionalista somalo scatena un’offensiva nel nord del paese. Siad Barre risponde bombardando la regione. Centinaia di migliaia di civili sono sfollati e molti perdono la vita. Alla fine degli anni Ottanta emergono altri movimenti di opposizione, sostenuti dai diversi gruppi etnici.

Maggio 1990 – A Mogadiscio 144 personalità del paese, in rappresentanza di tutti i clan somali. firmano un manifesto per chiedere la convocazione una conferenza di riconciliazione.

30 dicembre 1990 – Scoppia a Mogadiscio una rivolta armata.

Gennaio 1991 – Siad Barre fugge dalla Somalia.

28 gennaio 1991 – Il gruppo dello United Somali Congress (USC) nomina Ali Mahdi Muhammad presidente. L’ala militare del gruppo, comandata dal generale Muhammad Farah Aidid, respinge la nomina.

17 Novembre 1991 – Comincia la guerra tra le due fazioni dell’USC.

18 maggio 1991 – L’ex protettorato britannico del Somailand dichiara l’indipendenza dal resto della Somalia.

1991 – La guerra civile riprende vigore.

24 aprile 1992 – Inizia la missione Onusom I: un contingente della forza di pace delle Nazioni Unite viene inviato in Somalia nel tentativo di restaurare l’ordine e di permettere alle organizzazioni internazionali di riprendere la distribuzione di viveri e fornire assistenza umanitaria.

9 dicembre 1992 – Le truppe della missione Restore Hope (“Riportare la speranza”) giungono in Somalia. L’operazione fallisce e nel marzo del 1995 le forze dell’Onusom abbandonano un paese lacerato da un conflitto ancora più aspro tra le fazioni rivali del generale Mohamed Farah Aidid e di Mohamed Alì Mahdi. Circa 50.000 le persone uccise in scontri armati tra opposte fazioni e quasi 300.000 i morti a causa della difficoltà di distribuire aiuti e cibo nel paese devastato dalla guerra

26 maggio 1993 – Ha inizio la missione Onusom II

15 marzo 1993 – Firma degli accordi di Mogadiscio, che prevedono l’indizione di elezioni democratiche e l’insediamento di un governo legittimato dal voto popolare. Non verranno mai applicati.

5 giugno 1993 – Le forze del contingente di pace sono attaccate dagli uomini del generale Aidid: 25 pachistani sono uccisi, 10 uomini dispersi, 54 feriti.

12 luglio 1993 – Un elicottero americano uccide più di 50 somali riuniti in un’abitazione privata a Mogadiscio, accrescendo l’ostilità verso le forze di intervento internazionali.

3 ottobre 1993 – I miliziani del generale Aidid abbattono un elicottero di Rangers americani impegnati in un’operazione di rastrellamento. Perdono la vita 18 uomini e 75 sono feriti. E’ la vicenda narrata nel film “Black Hawk down”.

24 marzo 1994 – I generali Ali Madi e Aidid firmano la Dichiarazione di riconciliazione nazionale, impegnandosi a porre fine alle ostilità. L’accordo non sarà mai applicato.

28 marzo 1995 – Le forze Onu in Somalia si ritirano definitivamente.

1996 – Il generale Aidid muore in battaglia. Gli succede il figlio Hussein.

1997 – Si succedono incontri e accordi tra fazioni per cercare di ristabilire un’autorità centrale. Le condizioni della popolazione sono critiche. Centiniaia sono le bande armate fuori da ogni controllo. A novembre i leader delle fazioni somale si riuniscono al Cairo, ma non riescono a raggiungere un accordo.

Il Somaliland ha ricostruito un vero e proprio stato con una Costituzione, un Parlamento e un ristretto numero di funzionari (circa 6000, su una popolazione di due milioni di abitanti). In altre regioni del paese (ad esempio nel Puntland, nel Bari, nel Nugal e nel Mudug) sono invece sorti dei governi su base dei clan, che hanno assicurato una certa stabilità e la ripresa di una minima attività economica. A differenza del Somaliland, queste strutture “quasi statali” non hanno proclamato formalmente l’indipendenza, né si sono espresse a favore della ricostituzione di uno stato centrale. Una buona parte della Somalia, soprattutto la fascia meridionale e la regione di Mogadiscio, è rimasta invece in preda a un violento conflitto, alimentato dalla rivalità dei vari signori della guerra e, tra il 1998 e il 2000, anche dalla guerra tra l’Eritrea e l’Etiopia, che ha visto

1998-2000 – guerra tra l’Eritrea e l’Etiopia, con la partecipazione delle milizie di alcuni clan al fianco delle truppe di Asmara.

(28 dicembre 2016)

Advertisements

Leave a comment

No comments yet.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Daily Alert News

  • THE GARISSA GENOCIDE AND THE PLIGHT OF KENYAN SOMALIS SINCE “INDEPENDENCE”.

  • Political Analyst & Expert in East Africa politics Moment History Society

  • Xisbiga Xuriyadda

  • Taariikh nololeedkii Imaam Axmad Gurey

  • taariikhda sheekh xasan barsane oo kooban

  • Reflections on the life and learning of Prof. Said Samatar

    Professor Said Samatar who died February 24, 2015

  • Recent Posts

  • Truth to Power

  • Wall Truth

  • RSS osservatore romano – Google News

    • This RSS feed URL is deprecated December 16, 2017
      This RSS feed URL is deprecated, please update. New URLs can be found in the footers at https://news.google.com/news
    • VATICANO/ Qual è il vantaggio di una "newsroom" rispetto all ... - Il Sussidiario.net December 15, 2017
      Il Sussidiario.netVATICANO/ Qual è il vantaggio di una "newsroom" rispetto all ...Il Sussidiario.netIl cambiamento nel settore media si sta facendo più accelerato e intenso ovunque. Anche in Vaticano. Dove la parola d'ordine è razionalizzare.FarodiRoma Biotestamento. L'Osservatore Romano è pacato: "legge ...Farodiroma (Comunicati Sta […]
    • Media vaticani, Viganò: una redazione unica per tutti i canali - La ... - La Stampa December 13, 2017
      La StampaMedia vaticani, Viganò: una redazione unica per tutti i canali - La ...La StampaTra pochi giorni il lancio in versione “beta” del portale www.vaticannews.va. Da gennaio l'accorpamento de L'Osservatore Romano. «Il Papa è d'accordo»Mons. Viganò: «Social, tv, giornale e radio: così cambiano i media ...Corriere della SeraEcco come saranno […]
    • Perché secondo l'Osservatore Romano sul fine vita il Papa innova - Formiche.net November 18, 2017
      Formiche.netPerché secondo l'Osservatore Romano sul fine vita il Papa innovaFormiche.netAffannarsi a tener bordone alle strumentalizzazioni politiche spremute dalle parole che Papa Francesco ha consegnato al convegno ospitato in Vaticano sul fine-vita? Il netto del discorso di Jorge Mario Bergoglio va accolto per quello che è: non una ...
    • Società: card. Bassetti su L'Osservatore Romano, disoccupazione ... - Servizio Informazione Religiosa December 7, 2017
      Società: card. Bassetti su L'Osservatore Romano, disoccupazione ...Servizio Informazione ReligiosaNel “vissuto quotidiano dell'Italia” sono presenti diverse forme di povertà, “ma sono almeno tre le emergenze che fanno suonare un campanello di allarme”. Lo scrive il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia–Città della Pieve e presidente ...a […]
    • Papa Francesco: Vian (“L'Osservatore Romano”), “l'importante è che ... - Servizio Informazione Religiosa December 7, 2017
      Servizio Informazione ReligiosaPapa Francesco: Vian (“L'Osservatore Romano”), “l'importante è che ...Servizio Informazione Religiosa“L'importante è che 'il messaggio arrivi'”: “La prima risposta del Papa nella conversazione con i giornalisti, consueta durante il volo di ritorno nei viaggi internazionali, va ben oltre la questione dei […]
    • L'Osservatore Romano: dedicato al potere simbolico del corpo ... - Servizio Informazione Religiosa December 1, 2017
      L'Osservatore Romano: dedicato al potere simbolico del corpo ...Servizio Informazione Religiosa“Donne Chiesa Mondo”, il mensile de “L'Osservatore Romano”, dedica il numero di dicembre a “Il potere simbolico del corpo delle donne”. In copertina la celebre immagine della donna che in Louisiana, durante gli scontri fra afroamericani e polizia, sola .. […]
    • Siria, l'incontro Assad-Putin visto dall'Osservatore Romano - Formiche.net November 22, 2017
      Formiche.netSiria, l'incontro Assad-Putin visto dall'Osservatore RomanoFormiche.netIn Siria le operazioni militari contro i terroristi si stanno avvicinando alla fine ed “è arrivato il momento di lavorare per una soluzione politica della crisi”. È quanto ha dichiarato ieri il capo di stato russo Vladimir Putin rivolgendosi al ...altro »
    • Bestemmia in tv: L'Osservatore Romano contro la Rai - Taranto in Diretta (Blog) December 15, 2017
      Bestemmia in tv: L'Osservatore Romano contro la RaiTaranto in Diretta (Blog)“L'Osservatore Romano”, il giornale del Vaticano, si scaglia contro la Tv di Stato con un titolo violento: «Fuori controllo». «La televisione, pubblica o privata che sia, per acquisire una dimensione social a tutti i costi rischia di divenire uno ...
    • Frate Emiliano e la frase del Papa: “Non sparlate degli altri” - Rete8 December 16, 2017
      Rete8Frate Emiliano e la frase del Papa: “Non sparlate degli altri”Rete8Frate Emiliano Antenucci incontra il Papa e gli dona una copia dell'Icona della Vergine del Silenzio. Il Pontefice vi scrive dietro: “Non sparlate degli altri” e la pone nel Palazzo Apostolico. Frate Emiliano è da un anno e mezzo circa guardiano del ...
    • Anche il Vaticano punta sulla trasformazione digitale - 01Net December 15, 2017
      01NetAnche il Vaticano punta sulla trasformazione digitale01NetDal primo gennaio il percorso si completerà con l'accorpamento dell'Osservatore Romano, del Servizio Fotografico e della Tipografia Vaticana. La diffusione dei contenuti avviene secondo un approccio complementare ai media. Questo approccio è stato ...I mass media del Papa dal 31 dicembr […]
  • RSS avvenire – Google News

    • This RSS feed URL is deprecated December 16, 2017
      This RSS feed URL is deprecated, please update. New URLs can be found in the footers at https://news.google.com/news
    • La vicenda. Abusi, la Curia di Milano: false ricostruzioni su un caso ... - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itLa vicenda. Abusi, la Curia di Milano: false ricostruzioni su un caso ...Avvenire.itReplica a un articolo che chiama in causa l'attuale arcivescovo Delpini e il vescovo Tremolada. "Nessuna copertura, ma intervento immediato". Vittima un quindicenne. Il prete è sotto processo. L'ingresso dell'arcivescovado di Milano in piaz […]
    • Biotestamento, ecco cosa prevede la nuova legge. E cosa non va - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itBiotestamento, ecco cosa prevede la nuova legge. E cosa non vaAvvenire.itOgni persona maggiorenne in previsione di una futura malattia che la renda incapace di autodeterminarsi può, attraverso le Dat, le disposizioni anticipate di trattamento, esprimere le proprie preferenze sui trattamenti sanitari, accettare o rifiutare ...altro »
    • Australia: pedofilia tragedia nazionale. Le richieste alla Chiesa - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itAustralia: pedofilia tragedia nazionale. Le richieste alla ChiesaAvvenire.itLa Commissione d'inchiesta che dal 2012 indaga su decine di migliaia di casi: il 60% delle vittime in ambito religioso. «Si rivedano le regole sul celibato»Malcolm Turnbull - WikipediaWikipediaIl Papa: “Non firmerò mai la grazia ai pedofili”In Terristutte le notizie ( […]
    • Televisione. «Sarà Sanremo», i giovani in gara per un posto al ... - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itTelevisione. «Sarà Sanremo», i giovani in gara per un posto al ...Avvenire.itSedici giovani si sfideranno in diretta da Villa Ormond, ma solo sei di loro avranno la possibilità di esibirsi sul palcoscenico del Teatro Ariston. Il boom di “X Factor” con la vittoria di Licitra. Il palco dell'Ariston nell'edizione di Sanremo 2017 ...altro » […]
    • Il killer di Budrio. Spari e 3 morti: preso in Spagna Igor «il russo» - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itIl killer di Budrio. Spari e 3 morti: preso in Spagna Igor «il russo»Avvenire.itL'uomo ha ingaggiato un conflitto a fuoco con la Guardia Civil prima d'essere arrestato. In Italia aveva già commesso due omicidi. Spari e 3 morti: preso in Spagna Igor «il russo». Ha sparato e lottato fino alla fine Igor “il russo”, il killer di ...altro » […]
    • Indonesia. Terremoto a Giava. «Crolli e vittime» - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itIndonesia. Terremoto a Giava. «Crolli e vittime»Avvenire.itLa magnitudo è stata di 6.5 e la scossa è stata sentita per 20 secondi anche nella capitale Giacarta. Allerta tsunami, poi revocata. Una casa gravemente danneggiata dalla scossa sismica (Ansa). La forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 registrata ...altro »
    • Il viaggio / 6. A Beirut una sartoria per ricucire le esistenze delle ... - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itIl viaggio / 6. A Beirut una sartoria per ricucire le esistenze delle ...Avvenire.itNel vecchio palazzo a Sad el-Baouchriyé, nord di Beirut, anche Sara, 64 anni, sposta lenta gli scatoloni pieni di vestiti. Con lei altre compagne di lavoro organizzano quello che alla Boutique sociale di Arc en ciel, la più importante Ong libanese ...altro »
    • No, non è un bel giorno. La legge sulle Dat, i soldati in Niger - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.itNo, non è un bel giorno. La legge sulle Dat, i soldati in NigerAvvenire.itPerché è del tutto chiaro che esse intendono raddoppiare la barriera frettolosamente e imperfettamente costruita nel Mediterraneo di fronte alla Tripolitania e alla Cirenaica per sigillare le violenze e le sopraffazioni dei rinchiusi nei piccoli e ...altro »
    • Editoria cattolica, guai e gioie: Famiglia Cristiana digiuna, Avvenire ... - Affaritaliani.it December 15, 2017
      Affaritaliani.itEditoria cattolica, guai e gioie: Famiglia Cristiana digiuna, Avvenire ...Affaritaliani.itPer Famiglia Cristiana i tempi d'oro sono finiti. In una crisi generalizzata, l'unico giornale cattolico che dia buoni risultati, per ora, è Avvenire. I numeri.altro »
    • «Sulle Dat faremo obiezione di coscienza» - Avvenire - Avvenire.it December 15, 2017
      Avvenire.it«Sulle Dat faremo obiezione di coscienza» - AvvenireAvvenire.itIl direttore dell'Ufficio nazionale di pastorale della salute: valutazione non positiva. Nasceranno contenziosi, si lascia morire chi soffre. Una norma sul fine vita poteva essere utile, ma non questa.altro »